info@giammarcopuntelli.com

I DATI DI SOTHEBY’S FANNO RIFLETTERE: SE LE ASTE CHIUDONO IL 2020 CON UN CALO DEL 27%, LE VENDITE PRIVATE SONO IN CRESCITA DEL 50%

Giammarco Puntelli

I DATI DI SOTHEBY’S FANNO RIFLETTERE: SE LE ASTE CHIUDONO IL 2020 CON UN CALO DEL 27%, LE VENDITE PRIVATE SONO IN CRESCITA DEL 50%

Per Sotheby’s come per Christie’s la parola “innovazione” è al centro de loro business. Lo ha dichiarato Il ceo Charles F. Stewart.Infatti, il mercato durante la pandemia e durante il post pandemia richiede una innovazione costante e continua che non significa solo online, ma è frutto di precise strategie.Il turnover delle aste si attesta a 3,5 miliardi di dollari con un calo del 27% rispetto all’anno precedente, le trattative private hanno avuto una crescita vertiginosa di oltre il 50% e nelle private sale sono state fatte trattative per 1,5 miliardi di dollari. I collezionisti preferiscono la strada di acquistare un capolavoro in forma privata e riservata.I clienti complessivi sono aumentati di oltre il 27% rispetto al 2019 e i risultati danno la leadership all’Asia.Le opere più preziose sono state vendute a Hong Kong, fra queste il trittico ispirato all’Oresteia di Eschilo di Francis Bacon per 84,6 milioni di dollari e The Splash di David Hockney venduto a 29,8 milioni di dollari.I collezionisti asiatici hanno superato il 30% e consolidato la posizione più importante per il quinto anno consecutivo.Raddoppiando così le loro presenze dimostrano essere il mercato con più capacità di crescita in questi anni allungando un trend incredibile.Il mercato degli incanti dei beni di lusso nel mondo ha superato i 600 milioni di dollari e in alcuni settori il 2020 ha triplicato le vendite. E cosa è avvenuto in Sotheby’s Italia?La sede italiana della casa d’asta ha realizzato 18,2 milioni di euro a cui vanno aggiunti i ricavi di altre sei vendite per altri 4,2 milioni di euro. Le tre opere vendute con maggiori ricavi sono di Giorgio Morandi con tre Nature Morte, realizzate dal 1946 al 1951.Quella del 1951, che trova una analogia ad un dipinto presente nel Tel Aviv Museum of Art, è al primo posto per il 2020.Il settore dell’arte contemporanea e del lusso si sposta nei suoi riferimenti geografici e cerca palcoscenici mondiali e soprattutto innovazione strategica. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *