info@giammarcopuntelli.com

Infinity Academy, in corso le selezioni per imparare a vivere della propria arte e migliorare il proprio business.

Giammarco Puntelli

Infinity Academy, in corso le selezioni per imparare a vivere della propria arte e migliorare il proprio business.

Essere imprenditori di se’ stessi.
Questo è oggi essere un artista.
Anche quest’anno ho visto “cadere” sul campo di battaglia del mercato
parecchi emergenti, alcuni di essi validi. Ho visto “cadere” anche due
maestri di “lungo corso”, quasi due “generali” che da oltre quindici anni
calcavano la scena dell’arte sostenuti da gallerie.
Le gallerie sono venute meno tre anni fa e la loro autonomia finanziaria
per promuovere la propria arte è durata tre anni, poi, vicino ad un’età
pensionabile, la migliore per un artista dove davvero può esprimere il
massimo della propria ricerca unendo capacità ed esperienza, hanno deciso
di smettere e di tenere quanto guadagnato come fondo pensione.
Illudendosi di seminare all’orizzonte sensi di colpa e soprattutto rimpianti.
Purtroppo l’arte perde tanti primi attori e a volte vede delle comparse fare
ottimo business.
Occorre conoscere gli strumenti dell’imprenditore e come i migliori
imprenditori di piccole e medie imprese, ogni anno conoscere le novità in
un mondo che cambia le proprie regole ogni tre/quattro mesi. In un’epoca
come mai come oggi ci sono tanti esperti, tanta concorrenza, tanta cultura
imprenditoriale sfornata settimanalmente. Non basta avere qualità del
prodotto né una situazione consolidata perché questa cambia fra sei mesi e,
se non sei preparato a cambiare la tua struttura, rimani indietro e vieni
dimenticato.
Conosco invece maestri che vivono della propria arte, cambiano la
struttura del proprio business ogni anno, sono richiesti dai musei e fanno
mostre prestigiose. Alcuni emergenti che l’anno scorso hanno fatto Infinity
Academy e hanno applicato tutti gli insegnamenti sono riusciti ad avere
una presentazione e una promozione più efficace, più popolarità, sono stati
accolti in luoghi negati loro in passato e tre di loro, grazie ai seminari,
hanno venduto complessivamente undici opere a persone mai conosciute
in precedenza.
Quest’anno torna Infinity Academy, l’appuntamento annuale per chi ha
deciso di vivere di arte ed è pronto ad applicare gli strumenti di
promozione e marketing per raggiungere popolarità e creare un proprio

business e un proprio posto sul mercato, nel mondo dell’arte
contemporanea e magari in qualche museo.
Dal 1 marzo al 30 aprile 2020 tre location apriranno le loro porte per due
mesi agli artisti selezionati per Infinity Academy.
Sono location segnate dalla storia dell’Italia e dell’arte.
E con queste location sfioriamo le location italiane dedicate alla
promozione della selezione italiana in Expo 2020.
Il tutto sarà ancora una volta accompagnato da un prestigioso catalogo
dell’Editoriale Giorgio Mondadori che fornirà la presenza e alimenterà il
dibattito, su una mostra lunga ben due mesi, nelle librerie e in tutte le fiere
d’arte italiane: una promozione lunga un anno con mostre di due mesi
come poche volte avviene in precedenza. No agli eventi di tre/quattro
giorni che consentono una rapida visita ma perdono l’attenzione di quei
collezionisti appassionati che non hanno disponibilità di tempo in quei
tre/quattro giorni disponibili.
E poi ciò che caratterizza Infinity Academy come progetto e programma di
formazione: ben otto seminari che insegnano ad emergenti e ad artisti
consolidati che vogliono davvero migliorare la propria offerta e la propria
posizione quei trucchi e quelle strategie che non si trovano né nelle mostre
e neppure in nessun libro.
Il programma è davvero nutrito.
Io terrò tre seminari sullo strumento promozionale che funziona di più nei
beni di lusso: il referral marketing.
Si tratta di un marketing che può essere messo in atto senza costi o con
l’investimento di qualche centinaia di euro al massimo perché si basa ed è
la tecnica del passaparola così come la utilizzano le grandi aziende, con
strategie imparate dal sottoscritto un paio di mesi fa all’estero.
Poi due galleristi che insegneranno agli artisti sia come fare il primo
contatto con clienti e collezionisti (e soprattutto come distinguere i curiosi
dai veri collezionisti) sia come tenere un archivio, indispensabile per
storicizzare la vostra arte e lavorare con serietà e professionalità.
Inoltre, negli altri tre seminari, si parlerà rispettivamente di come
sviluppare un merchandising che possa posizionarvi nella mente del
cliente, di come trasformare la vostra produzione e le vostre mostre in
filmati da “serie televisiva” in modo tale che le persone vi seguiranno sul
video, e sul rapporto libri e arte, come utilizzare l’editoria per fornire
autorevolezza alle proprie opere.

Un programma completo e indispensabile con relatori prestigiosi, esperti
che vivono applicando nel loro business ciò che vi insegneranno, anche
per maestri consolidati che vogliono rimanere al passo con il mercato e
con il mondo dell’arte contemporanea, con contenuti inediti e con strategie
teorizzate all’estero pochi mesi fa.
La selezione sarà difficile come l’anno scorso dove sono stati scelti meno
della metà di artisti che avevano richiesto la partecipazione.
La selezione è appena iniziata.
Infinity Academy, per iniziare a mostrare davvero i propri capolavori e
soprattutto vivere di arte.

2 risposte

  1. Pino razza ha detto:

    Interessante

  2. anna nigro ha detto:

    Non vedo l’ora di partecipare ai seminari… molto interessante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *